- - - - - - - - HOME I SITO I FORUM I FACEBOOK I GUESTBOOK I LINKS I CONTATTI
- - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - QUESTO BLOG STA CON IL PAPA
QUESTO BLOG E CON IL PAPA
- - - - - - - - - - - - - - - - - Image and video hosting by TinyPic

Online da lunedì 29 ottobre 2007


Visualizzazioni ultima settimana

- - - - - - - - - - - - -


______________________________________________________________________

venerdì 2 gennaio 2015

Segnale stradale inopportunamente apposto davanti alla Chiesa di Santo Stefano


Sul numero di giugno 2012 de “L’Altra Molfetta” fu dato spazio ad una mia osservazione circa la inopportunità di aver collocato, immediatamente a ridosso della lapide commemorativa apposta sulla facciata della casa natia dello scultore Giulio Cozzoli, in via Rattazzi civico 33 (apposta peraltro dalla Municipalità di Molfetta nel 1957), un cartellone stradale indicante il parcheggio a pagamento lungo il marciapiede antistante.
Indipendentemente da qualsiasi giudizio nel merito, quel cartellone (a distanza di due anni e mezzo) è ancora lì e non posso pensare che nessuno tra gli amministratori della cosa pubblica molfettese abbia letto nulla, dal momento che è notorio che si informano di qualsiasi cosa venga scritta sulle riviste locali, nel timore che si parli di loro (male, ovviamente); mi viene da pensare che il decoro urbano e la cura della città non siano negli interessi di chi amministra.
Fatto sta che, recentemente, un altro segnale stradale è stato inopportunamente (o inavvedutamente) apposto in un altro sito della città: esattamente davanti alla Chiesa di Santo Stefano, costituendo non solo un disturbo di natura estetica, ma soprattutto funzionale. Mi spiego.
Si tratta di un di un palo con un segnale di divieto di sosta, immediatamente prima di strisce pedonali dopo le quali è disegnata una segnaletica orizzontale (per terra, ovviamente) indicante sempre il divieto di parcheggio in tutto il tratto evidenziato, come ben si vede nella foto.
Domanda: se c’è già una segnaletica orizzontale, a che serve mettere un altro palo sul marciapiede, contribuendo ancor più al proliferare di pali che a Molfetta ormai quasi impedisce, in alcune vie, di poter camminare con un ombrello aperto quando piove, per mancanza di spazio? Molfetta è assediata da una segnaletica stradale verticale numericamente sproporzionata rispetto al necessario (si potrebbe realizzare un album fotografico di tutte le brutture create da questa situazione … una per tutte il divieto di accesso di fianco all’Arco della “Terra”).
Ho parlato però di disturbo di carattere funzionale e perché?
Per il semplice motivo che, confrontando le altre altre foto allegate, si nota subito che dietro quel palo apposto di recente, prendono posto due delle statue dei Misteri al momento della ritirata della processione del Venerdì Santo, anzi la statua di Cristo alla colonna verrebbe da quel palo addirittura occultata. Ancora, per chi ben conosce come avvengono certe cose al momento della ritirata dei Misteri … non ci sarebbe nemmeno il giusto spazio di manovra per consentire il rientro in chiesa della statua, a causa della lunghezza delle “sdanghe” su cui è collocata la base.
Mi chiedo: possibile che nessuno dei confratelli di S. Stefano, che la domenica fanno salotto proprio su quel tratto di marciapiede, si sia mai accorto di questa situazione? Possibile che nessuno abbia fatto alcun tipo (fino ad ora) di segnalazione per lo meno all’Amministrazione dell’Arciconfraternita che forse lo avrà notato, ma si è comunque “astenuta” da qualsivoglia azione, considerando forse che essendo a fine mandato non ne valesse la pena?
Spero solo che esista qualche amministratore di questa città  che, leggendo quanto da me lamentato, sia così sensibile da accoglierlo e di porre il giusto rimedio, invitando chi di dovere a rimuovere l’inconveniente qui esposto: quanti ancora a Molfetta hanno ancora un po’ di buon gusto e di senso estetico gliene renderanno merito.

                                                                 dott. Francesco Stanzione  

* Testo e foto tratti dal n° 1 di Gennaio 2015 della rivista mensile "L'altra Molfetta".

Nessun commento: