- - - - - - - - HOME I SITO I FORUM I FACEBOOK I GUESTBOOK I LINKS I CONTATTI
- - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - QUESTO BLOG STA CON IL PAPA
QUESTO BLOG E CON IL PAPA
- - - - - - - - - - - - - - - - - Image and video hosting by TinyPic

Online da lunedì 29 ottobre 2007


Visualizzazioni ultima settimana

- - - - - - - - - - - - -


______________________________________________________________________

giovedì 3 ottobre 2013

Preghiera alla Vergine dei Martiri

A cura del prof. Cosmo Tridente

Mi è gradito pubblicare una preghiera scritta dal prof. Cosmo Tridente, validissimo collaboratore di questo sito, ma prima ancora mio grande amico, scaturita dalla sua grande devozione alla Regina dei Martiri, patrona di Molfetta.


Salve o Maria, Regina dei Martiri, noi molfettesi ti amiamo intensamente perché sei la nostra Protettrice e la nostra Madre di misericordia. 
I nostri avi ti hanno sempre invocata chiamandoti “Médonne de le Mérter’a Méri” (Madonna dei Martiri Maria). 
E noi continuiamo a invocarti con quel titolo supplicandoti: di proteggere la nostra città, di soccorrere le famiglie in difficoltà per mancanza o perdita di lavoro, di consolare i malati che con fiducia si rivolgono a te, di benedire i naviganti e gli emigranti che ti portano sempre nel loro cuore, di aiutare i poveri e quanti vivono in solitudine, di confortare col baleno struggente degli occhi chi ha perso la fiducia nella vita, di ascoltare i tanti molfettesi che si recano nel tuo Santuario per confidare a te le loro angosce, i loro problemi, le loro ansie, le loro tristezze, le loro disperazioni, sicuri di trovare lì un cuore materno pronto ad esaudire le loro preghiere, ad asciugare le loro lacrime, ad alleviare con carezze di madre le loro sofferenze, in questi momenti particolarmente difficili. 
Noi ti preghiamo, o Maria, abbiamo bisogno di te. 
Non attendere la nostra implorazione. 
Anticipa ogni nostro gemito di pietà “o fiore di grazia gentile, Signora dei Martiri bella”

* Testo a cura del prof. Cosmo Tridente.
* Foto a cura di Ezio Gadaleta.

Nessun commento: