- - - - - - - - HOME I SITO I FORUM I FACEBOOK I GUESTBOOK I LINKS I CONTATTI
- - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - QUESTO BLOG STA CON IL PAPA
QUESTO BLOG E CON IL PAPA
- - - - - - - - - - - - - - - - - Image and video hosting by TinyPic

Online da lunedì 29 ottobre 2007


Visualizzazioni ultima settimana

- - - - - - - - - - - - -


______________________________________________________________________

giovedì 13 gennaio 2011

Carnevale e Quaresima

A pochi giorni dall' inizio del carnevale, pubblico questo scritto del prof. Cosmo Tridente, unicamente perchè, pur ritenendolo una delle occasioni più stupide, prelude comunque alla Quaresima.
.
A cura del Prof. Cosmo Tridente

In passato, i bambini, l’ultimo giorno delle vacanze natalizie, assumevano un’aria malinconica perché l’indomani dovevano ritornare a scuola. Ma venivano confortati dai genitori che dicevano loro di stare allegri perché fra una decina di giorni ricorreva Sénd’Éndùene méscechere è sùene (S.Antonio maschere e suoni). Il detto va riferito a S.Antonio Abate che si festeggia il 17 gennaio. Stesso riferimento vale per l’interiezione Curë Sénd’Éndoneie! nel significato di “quel benedetto uomo!”, avendo sostituito Curë Sénd’Alò, protettore dei cavalli e dei maniscalchi.
In concomitanza con questa ricorrenza ha inizio il Carnevale che, nei primi secoli del cristianesimo, era pressoché ignorato mentre la Quaresima godeva della massima osservanza. O meglio, il Carnevale era festeggiato in quanto, indulgendo ad una moderata baldoria ed allegria, doveva porre termine ad ogni divertimento e ad ogni lauto pranzo e allo stesso uso della carne. Va detto, in proposito, che specialmente il giovedì grasso era tradizione consumare un pranzo a base di orecchiette al sugo di maiale e “pizza rustica”, bella a vedersi, profumata e delicata al tempo stesso, squisita ed appetitosa come tutte le preparazioni della nonna … Carnevale, secondo la credenza più comune vuole dire appunto carnem levare, togliere la carne dalla dieta quotidiana per non infrangere i rigidi precetti dell’astinenza e del digiuno quaresimali.
.
.
Ai giorni nostri, invece, di più pallida fede e di più blandi costumi, il Carnevale trionfa come una festa a sé, e la Quaresima si ritira nei fortilizi della Liturgia, abbandonando quasi interamente il campo penitenziale. Il mercoledì delle ceneri e il venerdì santo, all’inizio e alla fine della Quaresima, restano gli unici due giorni legati alle consuetudini di austere mortificazioni che caratterizzavano tutti i quaranta giorni di digiuno trascorsi da Gesù nel deserto. L’euforia maggiore del Carnevale è rappresentato dalle maschere, dai veglioni, dai carri allegorici. Si cambia volto, vestito, sesso, mestiere e si ha veramente l’impressione di essere un’altra persona, non più soggetta alle normali regole del buon senso e della buona creanza. E le parole, i gesti, gli scherzi che in altro periodo dell’anno sembrerebbero sconvenienti, a Carnevale passano come battute di spirito; e il decoro che ciascuno conserva come qualche cosa di sacro nelle abituali circostanze della vita, a Carnevale diventa un ferrovecchio da buttare.
Sia ben chiaro che nessuno condanna il Carnevale, ma si condannano le esagerazioni che si nascondono sotto il sorriso di una qualche maschera. La legge morale non è a corrente alternata e il cambio di un vestito non può capovolgere gli obblighi che regolano le coscienze umane.
L’evasione dalle preoccupazioni quotidiane quale vuol rappresentare il Carnevale, non può diventare una evasione dalle proprie responsabilità e dai propri doveri. Né lo stordimento di poche ore o di pochi giorni può annullare la coscienza.
Sia benvenuto dunque il Carnevale se ci permette quello svago e quel riposo dello spirito che sono necessari, soprattutto in un tempo di stress e affanni come il nostro.
Si conservino pure quelle tradizioni locali che risalendo ad età antiche, hanno il merito di divertire senza infrangere legge morale alcuna, il buon gusto e lo stesso galateo. Dopo la parentesi carnascialesca, è consolante vedere tanti molfettesi, anche giovani, accodarsi alla processione della Croce, organizzata annualmente dall’Arciconfraternita della Morte, che segna l’inizio della Quaresima e che ci induce a meditare sulle parole pronunciate da Dio ad Adamo: Ricordati, o uomo, che sei polvere e che in polvere ritornerai (Genesi,III,19).
.
* Testo e foto a cura del prof. Cosmo Tridente.

4 commenti:

Anonimo ha detto...

FINALMENTE FINITO IL CARNEVALE...
FINALMENTE UN PO' DI SILENZIO.
GRAZIE A DIO.
....................CIAO
BENITO

Anonimo ha detto...

PREGHIERA ALLA MADONNINA DI ZIRRA
**************************************************

O MARIA, MIA CARISSIMA MADRE DI DIO, O VERGINE DI
VALVERDE, MADONNINA CARA, PROTEGGI LA CHIESA
DI CRISTO, IL PAPA, I VESCOVI, I SACERDOTI, IL POPOLO
SANTO DI DIO.
VEGLIA SU TUTTE LE ANIME CONSACRATE AL SIGNORE,
MANDACI SACERDOTI E NUOVE VOCAZIONI AL SERVIZIO
DELL' ALTARE E ASSISTENZA SPIRITUALE.
O MARIA RIDONA A TUTTI SPERANZA E AMORE, CUSTODISCI
CON AMORE TUTTI I NOSTRI BAMBINI, ASSISTI I NOSTRI
MALATI.
DONA PACE E AMORE IN TUTTE LE FAMIGLIE E ALLONTANA
L' ODIO.
ALLONTANA OGNI DUBBIO SU DI TE. AVVICINA IL POPOLO
ALLA CHIESA, LA CASA DI DIO. FIDUCIOSI TI INVOCHIAMO
CON LE NOSTRE PREGHIERE.
O DIO, O MARIA, DATECI LA VOSTRA SANTA BENEDIZIONE.
COSì SIA.

Pater - Ave - gloria - Amen.


*********************************************

DALLA SARDEGNA VI MANDO QUESTA PREGHIERA DELLA MADONNINA DI ZIRRA.
NELL' ANNO 1994 LA STATUA DELLA MADONNINA LAGRIMAVA NELLE MANI DELLA SIGNORA VITTORIA, TANTISSIME PERSONE VIDERO IL FENOMENO MIRACOLOSO DELLE SANTE LAGRIME SCENDERE DAGLI OCCHI DELLA MADONNINA.
LA SIGNORA VITTORIA IN UN PRIMO MOMENTO COSTRUIVA UNA CAPPELLA ALLA MADONNINA, DOVE TANTISSIME PERSONE OGNI GIORNO ANDAVANO PER PREGARE DAVANTI ALLA STATUUA.

IN SECONDO MOMENTO LA SIGNORA VITTORIA FA VEDIFICARE UNA BELA CHIESA PER LA MADONNINA DI ZIRRA, DOVE OGNI ANNO IL 1 LUGLIO 10994 FESTEGGIA L' ANNIVERSARIO DELLA LAGRIMAZIONE DELLA MADONINA DI ZIRRA.
LA LAGRIMAZIONE DELLA STATUA DELLA MADONNINA FU VISTA PERSONALMENTE ANCHE DA TANTI SACERDOTI.
.
LA CHIESA DELA MADONNINA SI TROVA IN LOCALITA' ZIRRA DAL LAGO DI BARATZ - DISTANTE CIRCA 2 KILOMETRI 33 DA (SASSARI) - SARDEGNA.

SPERANDO CHE QUESTA MIA PREGHIERA DELLA MADONNINA DI ZIRRA SIA DI VOSTRO GRADIMENTO.
CIAO
BUONA NOTTE.
.................. B E N I T O.

Anonimo ha detto...

CIAO

Anonimo ha detto...

*CIAO