- - - - - - - - HOME I SITO I FORUM I FACEBOOK I GUESTBOOK I LINKS I CONTATTI
- - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - QUESTO BLOG STA CON IL PAPA
QUESTO BLOG E CON IL PAPA
- - - - - - - - - - - - - - - - - Image and video hosting by TinyPic

Online da lunedì 29 ottobre 2007


Visualizzazioni ultima settimana

- - - - - - - - - - - - -


______________________________________________________________________

domenica 24 ottobre 2010

Omaggio a Nicola Natalicchio

Questa mattina, alle prime luci di un triste 24 ottobre 2010, presso la sua abitazione in Giovinazzo, si è spento Nicola Natalicchio, da tutti affettuosamente chiamato Mest’ Colin.
Aveva compiuto 102 anni il 5 giugno scorso ed era il confratello più anziano dell’ Arciconfraternita della Morte della quale era stato Priore (io aggiungo … un Grande Priore) nel triennio 1980/81.
Ebanista, vissuto negli U.S.A. per tanti anni per motivi di lavoro, alla sua opera si devono tutte le basi processionali del Sabato Santo, i fanali, le sdanghe, i forcelli e le due Croci dell’ Addolorata e della Pietà. Sua donazione del 1960 è anche la “coltre” di velluto nero che riveste la base della Pietà.

Negli anni in cui lavorava in America, immancabilmente era presente a Molfetta per partecipare alle processioni dell' Addolorata e della Pietà, delle quali è stato anche portatore, in gioventù.
Disponibilissimo a servire l' Arciconfraternita ogni volta che gli veniva richiesto, è stato sempre presente fino a pochi mesi or sono anche alla S. Messa del sabato sera nella Chiesa del Purgatorio.

Sempre nel Purgatorio, il 5 giugno 2008, durante la mia Amministrazione, festeggiò con la famiglia e noi confratelli il suo 100° compleanno.

Pagellina ricordo del 100° compleanno.
.
Personalmente ho avuto l' onore ed il piacere di essere molto amico di Mest' Colin sin da quando ero un ragazzino nell' Arciconfraternita della Morte e lui mi voleva molto bene.
Quando sono stato nel 1985/88 Priore della Confraternita di S. Luigi, mi rivolsi a lui per la realizzazione della base processionale, che volli simile nello stile alle basi delle Statue del Purgatorio. Il mio segno di riconoscenza per il suo operato (aveva allora 76 anni ... "giovanissimo") fu di renderlo confratello onorario.
.
Processione di S. Luigi 1986

Ricordare la sua figura su questo sito mi è sembrato quanto meno doveroso da parte mia, in virtù di quanto ha fatto per la mia amatissima Arciconfraternita della Morte.
Voglio ricordarlo a tutti attraverso alcune foto scattate in sua compagnia, durante il mio lungo mandato di Priore, dal 2004 al 17 febbraio 2010.
.

21/07/2005 - Sera prima del trasferimento delle Statue dal Purgatorio alla Cattedrale
.
Novembre 2005 - Consegna attestati 50 anni di iscrizione all' Arciconfraternita
.
Sabato Santo 2007
.
Sabato Santo 2008

Sabato Santo 2009

10/07/2009 - Sagrestia Chiesa del Purgatorio
60° anniversario di Sacerdozio di don Francesco Gadaleta .

I funerali si svolgeranno domani 25 ottobre alle ore 17,00 nella Chiesa del Purgatorio in Molfetta..
.
* Testo a cura del dott. Franco Stanzione.
* Foto archivio privato del dott. Franco Stanzione.

1 commento:

Prof.Cosmo Tridente ha detto...

Carissimo Franco,
ho molto apprezzato il tuo sincero e affettuoso ricordo nei confronti di mio zio Nicola Natalicchio, deceduto nelle prime ore di questa malinconica domenica d'ottobre. Condivido la tua immensa gratitudine, come ex Priore dell'Arciconfraternita della Morte, per un uomo che ha fatto tanto per il pio Sodalizio che portava gelosamente nel suo cuore come se fosse una creatura. Spesso mi confidava che non di rado sognava la Beata Vergine Addolorata che gli parlava e lo confortava specialmente nei momenti più dolorosi della sua vita. Ma oggi sono particolamente addolorato e commosso anche perchè, con la sua dipartita, è scomparso l'ultimo rappresentante della famiglia Natalicchio: zio Nicola era fratello della mia cara mamma, Sofia Natalicchio, morta nel 1965 nel bel mezzo dei miei studi universitari. Addio, zio Nicola, ti ricorderemo sempre. Mi vengono in mente i versi di una canzone cubana che lui sicuramente avrebbe ripetuto ai tuoi cari e ai confratelli del pio Sodalizio che ha tanto amato: "Se io muoio non piangere per me, fà quello che io ho fatto ed io rimarrò con te".