- - - - - - - - HOME I SITO I FORUM I FACEBOOK I GUESTBOOK I LINKS I CONTATTI
- - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - QUESTO BLOG STA CON IL PAPA
QUESTO BLOG E CON IL PAPA
- - - - - - - - - - - - - - - - - Image and video hosting by TinyPic

Online da lunedì 29 ottobre 2007


Visualizzazioni ultima settimana

- - - - - - - - - - - - -


______________________________________________________________________

martedì 19 febbraio 2008

La processione dei Misteri di Trapani - 8^ parte

Gruppo 7 - LA NEGAZIONE -
Opera di Baldassare Pisciotta
Ceto dei Barbieri e Parrucchieri
(in passato affidato ai Tosatori)


Gesù è condotto nel cortile del Sinedrio. Una donna scorge Pietro e lo indica come seguace del Nazareno, ma l'Apostolo nega di conoscerlo e mentre un gallo canta, Gesù volge al discepolo uno sguardo di consapevole dolore.
Il 1° dicembre 1661 con
atto del notaio Giacomo Del Monaco (corda11137 bis - AST Trapani) venne concesso all'arte dei barbieri (ars barbitonsorum), successivamente si unirono i parrucchieri ed in tempi recenti si sono aggregate le categorie affini.
Con atto del notaio Baldassare Renda rogato il 15 ottobre 1769 (corda 12705 - AST Trapani), venne affidato allo scultore Baldassare Pisciotta la realizzazione di un nuovo gruppo. Dall'atto notarile si nota che il gruppo era conosciuto come " Divi Petri plangentis ", prendendo spunto dalla lacrima che solca il volto dell'apostolo nel momento in cui si appresta a negare la conoscenza di Gesù
( vedi ricerca storica di Salvatore Accardi ).
"U mistere varveri" non ha mai subito interventi radicali; di buona qualità sono altresì le suppellettili argentee. A tal proposito è interessante sapere che prima di esser chiamato " La Negazione "
L'episodio raffigurato è tratto dai Vangeli ed è stato fedelmente riprodotto.
L'artista raffigura l'ancella che seduta innanzi ad uno scaldino " cufune ", si rivolge a Pietro additandolo come seguace del Nazareno. Accanto alla donna un gallo che canta su una colonna, mentre un soldato trascina Gesù incatenato.
Particolarmente suggestivi sono i volti del Cristo e dell'apostolo. Gesù perdona Pietro per averlo rinnegato e lo sguardo del Nazareno è intriso di dolore e perdono, così come Pietro, cui dall'occhio destro sgorgano lacrime, è al tempo stesso provato e sofferente.


Foto della fine degli anni '30


Il gruppo in chiesa prima dell' uscita


Particolare


Gesù


S. Pietro


Il gallo


La donna che interrogò S. Pietro nel Sinedrio


Un soldato


* Testo e foto di Beppino Tartaro
(
http://www.processionemisteritp.it/it.htm

Nessun commento: