- - - - - - - - HOME I SITO I FORUM I FACEBOOK I GUESTBOOK I LINKS I CONTATTI
- - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - QUESTO BLOG STA CON IL PAPA
QUESTO BLOG E CON IL PAPA
- - - - - - - - - - - - - - - - - Image and video hosting by TinyPic

Online da lunedì 29 ottobre 2007


Visualizzazioni ultima settimana

- - - - - - - - - - - - -


______________________________________________________________________

lunedì 7 gennaio 2008

La "Maddalena scandalosa" nella Chiesa del Purgatorio dal 13 gennaio al 3 febbraio - 1^ parte

Posso dire, con una punta di compiacimento, che sotto la mia Amministrazione si stanno realizzando diverse cose che se non fossi stato io Priore dell' Arciconfraternita della Morte, sicuramente non sarebbero state fatte.
.


Una di queste è quella che domenica prossima, 13 gennaio 2008 alle ore 18.00, sarà presentata presso la Chiesa del Purgatorio: per la prima volta infatti, i molfettesi tutti potranno ammirare la famosa statua della Maddalena, opera di Giulio Cozzoli, che l' artista presentò e propose nel 1954 a Mons. Achille Salvucci, allora Vescovo di Molfetta, e mai approvata dalla Autorità Ecclesiastica in quanto non ritenuta idonea a rappresentare la Santa in processione, a motivo delle braccia e di una spalla scoperte.
Fu per questo definita la "Maddalena scandalosa".
In realtà per quell' epoca era plausibile che la nudità delle braccia e delle spalle femminili potessero essere ritenute tali, ma a distanza di cinquant' anni devo dire che se non scandalosa, quella statua è per lo meno ... conturbante.
Avevo sin da bambino sentito parlare di questa Maddalena, realizzata e mai portata in processione, e me la immaginavo in tutt' altra maniera rispetto alla realtà; ma mai avrei pensato che, se di scandaloso avrebbe potuto esserci qualcosa, certamente non sarebbe stato il più o meno succinto abbigliamento.
Quando per gentile concessione della nipote dello Scultore, mia stimatissima amica, mi è stato dato di poter vedere la Maddalena in casa Cozzoli, sono rimasto senza fiato nel vedere la grande sensualità di quell' immagine.
A parte l' arte, sono eccezionali la bellezza della donna che vi è raffigurata e l' espressione, lo ripeto, veramente sensuale del volto.
Pur avendo un grosso dossier fotografico della Maddalena, di cui sono gelosissimo, non aggiungo altro finchè non sarà possibile vederla nella Chiesa del Purgatorio.
L' evento è stato caldeggiato da me, Priore dell' Arciconfraternita della Morte, ma è stato organizzato in collaborazione con l' Archeoclub d' Italia - sede di Molfetta, la Società di Cultura Europea "A. Caracciolo" di Molfetta, la FIDAPA - delegazione di Molfetta e l' Associazione Culturale "Leonardo da Vinci" di Molfetta.

Hanno offerto il loro patrocinio il Sindaco di Molfetta On. Sen. Antonio Azzollini, il Ministero dei BB. AA. CC., la Regione Puglia e la Provincia di Bari.

Saranno esposti inoltre tutti i bozzetti inediti di Giulio Cozzoli, riguardanti le varie fasi della realizzazione delle Sacre Immagini processionali del Sabato Santo e di Maria S.S. Addolorata.

Trattasi veramente di un evento, in quanto solo pochissimi privilegiati, tra cui il sottoscritto, hanno prima d' ora avuto l' occasione di vedere tali capolavori.

Spero, anche tramite questa iniziativa, di aver reso un servizio all' Arciconfraternita della Morte, che mi onoro di presiedere, ed alla mia cara Molfetta.

* Testo di Franco Stanzione.

Nessun commento: