- - - - - - - - HOME I SITO I FORUM I FACEBOOK I GUESTBOOK I LINKS I CONTATTI
- - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - QUESTO BLOG STA CON IL PAPA
QUESTO BLOG E CON IL PAPA
- - - - - - - - - - - - - - - - - Image and video hosting by TinyPic

Online da lunedì 29 ottobre 2007


Visualizzazioni ultima settimana

- - - - - - - - - - - - -


______________________________________________________________________

sabato 1 dicembre 2007

La processione dei Misteri del Venerdì Santo nelle vecchie foto di Franco Stanzione. 1975 - 2^ parte

L' interno della Chiesa di S. Stefano poco prima della processione dei Misteri.
.
Ancora propongo alcune foto da me scattate nel 1975 all' interno di S. Stefano, prima dell' uscita della processione dei Misteri. Appoggiate al muro si vedono la Croce, i Fanali e le Stanghe con i Forcelli delle altre Confraternite che portano Cristo all' Orto, Cristo alla Colonna, Cristo alla Canna ed il Calvario; infatti l' Arciconfraternita di S. Stefano non ha proprie stanghe da mettere sotto le basi delle Statue ed a ciò provvedono le rispettive Confraternite invitate.

Si notino le stanghe del Calvario, a destra, che furono fatte nuove proprio nel 1975 e dipinte con lo stesso motivo delle stanghe di Cristo Morto; questa cosa durò un solo anno, perchè già l' anno successivo le stanghe del Calvario furono riportate al colore tutto rosso di sempre.


Vicino alla porticina secondaria vengono sistemate l' Asta (il baldacchino) ed il Paliotto, piccolino e molto più bello, secondo me, di quello attuale che è troppo ingombrante come misura.


La processione che dopo il Novus Ordo usciva alle 15,30, nel 1975 usciva invece alle 14,30 in quanto in quegli anni si compiva uno dei tanti scempi a carico dell' Arciconfraternita di S. Stefano: l' entrata in Cattedrale per la Funzione dell' Adorazione della Croce.

Anni da dimenticare, perchè la processione all' uscita, anzichè entrare in Molfetta Vecchia attraverso l' "Arco della Terra", andava direttamente in Cattedrale nella quale entrava con tutte le Statue e ne riusciva dopo un' ora e mezza, interrompendo di fatto e mortificando tutta l' atmosfera che le è propria.

Comunque già mezzora prima la Chiesa inizia a riempirsi di confratelli. I primi ad arrivare sono sempre i più giovani tra cui, al centro nella foto sottostante, ne vediamo uno che mi sembra di riconoscere !!! ... e te pareva che non fosse lui, il mio attuale Secondo Componente della Morte a 14 anni !!!


Le Statue sono quindi già sulle stanghe e tutto è pronto per l' uscita.

Si noti dietro il Cristo Morto il vecchio assetto dell' altare dell' Addolorata, anche questo senz' altro meglio dell' attuale.



Se penso a cosa era allora l' Arciconfraternita di S. Stefano e cosa è adesso, con l' avvenuto ingresso indiscriminato di gente che di S. Stefano ne fa solo un fiore all' occhiello senza avere un vero sentimento religioso, mi viene lo sconforto !!!
.
* Testo e foto di Franco Stanzione.

4 commenti:

franco ha detto...

sono iscritto all'arci di santo stefano dal 2001..quindi sono tra gli ultimi arrivati. ho chiesto l'ingresso a questo sodalizio dopo anni di cammino spirituale alla fine dei quali mi reputavo degno di poter vestire un saio così carico di significato e di valore religioso. partecipo regolarmente alla vita confraternale(faccio parte dell'arcic. della morte), riesco a dare un piccolo contributo alla chiesa dei cappuccini ove sono iscritto con mia moglie alla comunità famiglia di Nazareth,che da tempo prepara diverse iniziativi incentrate sulla carità.pertanto non condivido affatto il suo pensiero quando parla di ingresso indiscriminato a santo stefano di gente che ne " fa un fiore all'occhiello senza avere setimienti religiosi "...etc...io non mi riconosco affatto in questa categoria.in certi casi meglio fare nomi e cognomi anzichè generalizzare. Franco Pappagallo

Franco Stanzione - Molfetta ha detto...

Pubblico volentieri questo tuo commento, in quanto firmato. Perla rara oggi come oggi chi firma ciò che dice!!!!
Non ti conosco ma, da quello che dici sicuramente non fai parte della categoria da me lamentata, ma fidati di uno che lì dentro sta da prima di essere confratello... è come dico io.
Quanto ai nomi e cognomi chiedi una cosa che nessuno farebbe tanto meno io, non per altro, ma semplicemente perchè sarebbe una caduta di stile e poi qui non è la sede adatta.
Ma ti ripeto... fidati, che è così... e aggiungo purtroppo, perchè vorrei tanto sbagliarmi.
Mi sa comunque che tu abiti fuori Molfetta, mi pare a Trani... quando vieni al Purgatorio fatti riconoscere che ti offro un caffè.... ma non come Priore della Morte, ma come confratello di S.Stefano. Ok? Ciao.

franco ha detto...

non contesto il fatto che a santo Stefano ci siano giovani iscritti che sono lì solo per la " stanga " o per autocelebrarsi il venerdì santo( lo che ci sono eccome.... ) bensì il fatto che si posssa pensare che tutti i giovani iscritti siano di questa pasta, e ti garantisco che confratelli dalle basi spirituali solide, che pensano che dietro la statua di cristo morto ci sia qualcos'altro, ci sono.
sono rientrato all'ovile natio di molfetta dal giorno delle nozze, ma aihmè scrivo dalla lucania dove lavoro, se posso aiutarti a riconoscermi ho votato per ultimo prima dell'amm.ne nella famosa assemblea per spostare orario processione sabato santo( e ho votato no...non ero per nulla d'accordo)
appenà potrò vedro di farmi riconoscere, prenderemo un caffè tra confratelli che credono negli ideali confraternali + veri.
Franco Pappagallo

Franco Stanzione - Molfetta ha detto...

Mi piace che chiami Lucania quella che impropriamente chiamano Basilicata; si chiama Lucania ed io sono uno che adora quella Terra... poi ti dico.
Certo che tra i nuovi ci sono anche quelli che non fanno parte di quelli che criticavo, ma torno a ripeterti che sono mosche bianche.
Io non conosco te, e metto la firma che hai tutti i requisiti per essere degno de S. Stefano e della Morte (che non è meno importante, intendiamoci), ma siccome conosco benissimo l' ambiente, torno a dirti che per lo più.... ma siccome non riguarda te ... ma sì.... !!! Allora ci si vede.