- - - - - - - - HOME I SITO I FORUM I FACEBOOK I GUESTBOOK I LINKS I CONTATTI
- - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - QUESTO BLOG STA CON IL PAPA
QUESTO BLOG E CON IL PAPA
- - - - - - - - - - - - - - - - - Image and video hosting by TinyPic

Online da lunedì 29 ottobre 2007


Visualizzazioni ultima settimana

- - - - - - - - - - - - -


______________________________________________________________________

venerdì 9 novembre 2007

Una Settimana Santa "particolare" - Aviles (Spagna)


Nelle mie peregrinazioni sul web, alla ricerca di sempre nuove informazioni sulla Settimana Santa spagnola, mi sono imbattuto in qualcosa che definire singolare è poco; e direi che anche il termine "incredibile" è ugualmente poco per descrivere quello che anche voi vedrete tra poco.
Voglio parlare di una Confraternita di Aviles.
Aviles è una cittadina spagnola di circa 83.000 abitanti, situata nella comunità autonoma delle Asturie, alla foce del fiume omonimo, sull' Oceano Atlantico.
In questa città vi è una Confraternita: la Cofradìa de San Juan Evangelista http://usuarios.lycos.es/procesiones/aviles/sanjuan/san_juan.htm), che ha sede
niente meno che nella Parrocchia "de San Nicolàs de Bari.
Qualcuno penserà che sono stato colpito dal fatto che ad Aviles c'è una parrocchia intitolata al Santo protettore di Bari, vicina a Molfetta .... niente affatto.
Cerchiamo di conoscere meglio questa Confraternita http://usuarios.lycos.es/procesiones/aviles/sanjuan/san_juan.htm#fundacion :


Questa Confraternita è sorta appena nel 1948 ad opera di un gruppo di giovani della Azione Cattolica della Parrochia di San Nicolàs de Bari.

Già dall' anno della fondazione fu portata in processione, durante la Settimana Santa, la statua di San Giovanni Evangelista, che viene condotta a spalla da 16 confratelli.

Cosa singolare di questa Confraternita è che i confratelli devono necessariamente essere di sesso maschile ed avere una età compresa tra i 5 ed i 33 anni; essi vengono chiamati "Sanjuaninos".

L' abito confraternale è costituito da un saio di raso azzurro con cingolo bianco, una mantello rosso ed un cappuccio bianco; ai piedi i confratelli hanno dei calzari del tipo di quelli dei soldati dell' antica Roma, ma molti, per penitenza, vanno scalzi.



LA PROCESSIONE




Dalle immagini sin qui viste sembrerebbe trattarsi di una processione come tante altre, ma basta dare una occhiata ai seguenti link di You Tube, corrispondenti ad altrettanti video, per rendersi conto del perchè dico che "incredibile" è un termine riduttivo per descrivere la situazione.

http://www.youtube.com/watch?v=6A0bZjRYvK4

http://www.youtube.com/watch?v=UyV5Mnr3bs8

Visto? Ma questo è niente. Vedete cosa succede ora:

1 - http://www.youtube.com/watch?v=IByz4WgAxRc

2 - http://www.youtube.com/watch?v=2SxXHfgITTo

3 - http://www.youtube.com/watch?v=Iits5cbgVDA


Quando San Juan, nella Plaza de Alvarez Acebal, incontra la processione di N.tra S.ra de la Soledad y la Santa Veracruz (3), i portatori si esibiscono nel far compiere al gruppo statuario una riverenza (1) quale atto di omaggio alla "Virgen de los Dolores", riprendendo subito dopo il particolare (o incredibile) passo (2) a suon di musica.

* Le foto ed i testi, tradotti dallo spagnolo da Franco Stanzione, sono tratti dal web.

1 commento:

Roberto ha detto...

Non ho parole per desrivere quelllo ke ho visto... :-0