- - - - - - - - HOME I SITO I FORUM I FACEBOOK I GUESTBOOK I LINKS I CONTATTI
- - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - QUESTO BLOG STA CON IL PAPA
QUESTO BLOG E CON IL PAPA
- - - - - - - - - - - - - - - - - Image and video hosting by TinyPic

Online da lunedì 29 ottobre 2007


Visualizzazioni ultima settimana

- - - - - - - - - - - - -


______________________________________________________________________

venerdì 16 novembre 2007

Omaggio a Giulio Cozzoli - 1^ parte


L' Amministrazione dell' Arciconfraternita della Morte ha organizzato per domenica 18 novembre 2007, una giornata commemorativa del grande scultore molfettese Giulio Cozzoli, autore delle venerate Immagini della Passione che si conservano presso la Chiesa del Purgatorio a Molfetta.



Giulio Cozzoli
.
Sin dalla mattina, in chiesa e presso l' Oratorio dell' Arciconfraternita della Morte, si potranno acquistare due cartoline commemorative su cui potrà essere apposto l' annullo postale speciale realizzato per l' occasione.


Per tutta la giornata, nella Chiesa del Purgatorio, saranno straordinariamente esposte alla visita al pubblico, le Statue realizzate da Giulio Cozzoli, di proprietà dell' Arciconfraternita della Morte, che vengono portate in processione durante la Settimana Santa.





Nella Cappella di S. Gaetano saranno esposte le statue di S. Maria Maddalena, della Pietà e di S. Giovanni.






Nella Cappella di S. Francesco da Paola potranno invece ammirarsi le statue della Veronica, di S. Maria Cleofe, dell' Addolorata, di S. Maria Salomè e di S. Pietro.









In serata si terrà, a partire dalle ore 18,30 e sempre nella Chiesa del Purgatorio, una video proiezione sul tema delle "Statue del Cozzoli" commentata a cura del confratello dott. Gianni Amato.
Ospite d' onore sarà la Sig. ra Rose Mary Magarelli, residente in America, figlia dei coniugi Sergio ed Antonietta Magarelli che, nel lontano 1957, donarono all' Arciconfraternita della Morte la venerata Immagine di Maria S.S. Addolorata.

La Sig. ra Magarelli tra me ed il marito


* Il testo e le foto sono di Franco Stanzione.

Nessun commento: